Gnocco fritto modenese e non




Finalmente ci sono riuscita!

Era da tempo che volevo provarci ma poi mi passava di mente e allora, in occasione del pranzo di Pasqua,  ho pensato a qualcosa da preparare per l'antipasto che fosse vicino alla tradizione (pani saporiti e salumi..) e allora ho deciso di cimentarmi nella realizzazione dello gnocco fritto che ho poi degnamente accompagnato ad una coppa piacentina by Eataly che vi raccomando.

Lo gnocco fritto originale è molto probabilmente quello modenese, poi ci sono tante versioni con e senza lievito, io ho fatto alcune prove con impasti a base di lievito, madre e di birra, così tanto per sperimentare, ma alla fine ho scelto la ricetta originale che non prevede alcuna lievitazione e tanto meno l'utilizzo del lievito.
Quindi, di seguito vi propongo le due alternative e lascio a voi la scelta: sicuramente, lo gnocco modenese è il più veloce da fare e tecnicamente il più intrigante perché l'impasto, nonostante sia privo di lievito, riesce a creare un prodotto fragrante e bello gonfio con il solo ausilio dell'acqua gasata ben fredda, e di conseguenza si aggiudica la mia preferenza.

Il bello dello gnocco fritto è che è buonissimo anche il giorno dopo e che i quantitativi sono puramente indicativi perché, una volta assaggiato, la tentazione è quella di raddoppiare le dosi!!






GNOCCO FRITTO MODENESE
dosi per 4 persone

250 di farina 0
60 ml di acqua gasata ghiacciata
60 ml di latte freddo
1 cucchiaino di sale
20 g di strutto

olio di semi per friggere

Mescola insieme la farina al sale
Stempera con l'acqua e il latte ben freddi
Aggiungi lo strutto e impasta bene fino ad ottenere un impasto morbido e compatto
Fai scaldare l'olio e nel frattempo stendi l'impasto sul tavolo da lavoro per uno spessore di 2/3 mm
Ricava dei rettangoli più o meno uguali con la rotella della pasta
Immergili nell'olio caldo e gira da una parte e l'altra non più di 1 minuto ciascuno
Fai asciugare su carta assorbente e condisci con poco sale
Servi caldi con affettati vari e formaggi stagionati





GNOCCO FRITTO con LIEVITO MADRE
dosi per 6 persone

400 g di farina
120 g di lievito madre (circa il 30% del peso della farina) oppure 2 g di lievito di birra
120 g di acqua
80 g di latte
60 g di strutto oppure di olio di oliva
1 cucchiaino di zucchero
1 pizzico di sale
strutto per friggere oppure olio di semi


Sciogli il lievito nell'acqua e nel latte
Aggiungi lo zucchero e la farina, lo strutto e un pizzico di sale
Impasta bene fino ad ottenere un impasto morbido e liscio
Fai una palla e incidi una croce con un coltello
Lascia lievitare l'impasto per circa 8 ore (anche nel caso dell'uso di lievito di birra) in una ciotola coperta
Quando è raggiunto il tempo di lievitazione stendi l'impasto con il mattarello fino a raggiungere uno spessore di qualche mm e poi taglia delle losanghe non troppo grandi
Fai scaldare l'olio o lo strutto
Friggi i gnocchi che si gonfieranno come ...mongolfiere!
Condisci con sale e servi calde con affettati di vario genere.






Posta un commento

Post più popolari