Bollito in insalata con fagioli dell'occhio



' inverno e le stagioni fredde in genere ci fanno venire voglia di ambienti caldi e accoglienti, serate davanti al camino con la coperta addosso e qualcosa di buono da assaporare, piatti semplici ma gustosi che servono a ripagarci un pò dei disagi della stagione più severa dell'anno. Ed è così che allora si parte alla preparazione di minestre,
minestroni e bolliti, tanto sani, ma di poca attrattiva a meno che non vengano conditi a dovere. E' il caso del bollito che d'inverno non manca mai e che, dopo averlo gustato con il classico bagnetto verde finisce un pò con lo stufare e allora che si fa? Lo si può trasformare in polpette ma anche in una gustosa insalatina tipica piemontese arricchita dalla presenza di uno dei legumi più buoni ovvero il fagiolo dell'occhio.
Quello che in realtà non è considerato un fagiolo a causa della scarsa presenza di proteine e grassi rispetto agli altri legumi: ecco dunque il perchè dell'accostamento con la carne, un legume molto indicato per le diete a basso tenore energetico.
Un piattino perfetto come antipasto ma anche come piatto unico per trovare ancora un pò di tepore in queste ultime cene d'inverno.







Posta un commento

Post più popolari